zafferano san quirino

Zafferano di San Quirino

Zafferano San QuirinoLo zafferano di San Quirino, storia di un’eccellenza italiana e del suo coltivatore.

Zafferano made in Friuli, dai campi del giovane agricoltore Walter Zamuner, il prezioso zafferano da dove arriva?

Con massima sorpresa per molti di voi lo zafferano, quella polverina che rende così buono e tipico il famoso risotto allo zafferano, si proprio quella che costa un’occhio della testa, arriva da alcuni bellissimi fiori, i crochi. Lo zafferano ha una storia che parte dalla mitologia greca. Si attribuisce la nascita dello zafferano all’amore di un bellissimo giovane di nome Crocus, che viveva al riparo degli Dei. Crocus si innamorò di una dolce ninfa di nome Smilace (altra pianta del clima temperato) che era la favorita del Dio Ermes. Si sa che queste divinità erano non poco suscettibili, così fu che il bel Croco divenne un bulbo sotterrato, ma morì amando la ninfa Smilace e da questo atto d’amore nasce il nostro Zafferano di San Quirino. La coltivazione, l’agricolura, soprattutto oggi è bisognosa di grande amore,ricordo la mia povera nonna che parlava alle sue piante grasse, ne aveva di spettacolari, sembravano ingrassare con il suono della voce materna, chi può sapere se è verità o leggenda? Quel che è certo è che l’agricoltore Walter Zamuner di passione ne ha impiegata tanta per far crescere il suo Zafferano di San Quirino.

L’uso dello zafferano nella storia.

Lo zafferano è conosciuto da millenni, se ne parla spesso nelle opere di Ovidio, Omero, Virgilio e Plinio. Addirittura nei papiri egiziani del II secolo a.C. ,nella Bibbia, e nel IX e XII libro dell’Iliade. Isocrate si faceva profumare i guanciali prima di andare a dormire e le donne troiane profumavano i pavimenti dei loro templi. Lo zafferano si coltivava in Cilicia, Barbaria e Stiria. I Sidoni e gli Stiri lo usavano per tingere i veli delle spose ed i sacerdoti per profumare i loro templi religiosi. Dall’Asia la coltivazione si estese arrivando in Tunisia e  in Spagna, coprendo le zone di Albasete, Teruel, Toledo, Valencia e Murcia. Il monaco Santucci poi, innamoratosi di questo fiore e del suo Zafferano decise di portarlo nella piana di Navelli, antipiano abruzzese e fece molto bene. Il nome scientifico Crocus deriva dal greco Krokos, invece il nome zafferano deriva dall’arabo Zaafran. Per  farvi capire l’importanza dello zafferano in Abruzzo vi dirò solo che ad un certo punto, dopo l’avvio del commercio verso Milano e Venezia, e successivamente il resto d’Europa, il re Roberto d’Angio’ nel 1300 ca decise di togliere le tasse unicamente sullo zafferano per facilitarne il commercio. Poi però, come la politica insegna, decisero bene di affidare allo Zafferano la costruzione di numerose opere aquilane, e c’è da dire che a tutt’oggi ne godiamo il fasto. Una storia alquanto macabra riguarda un tentativo di contraffazione, altro che le leggi attuali italiane, il povero  Jobst Findenken di Norimberga, appassionatissimo commerciante, se ne veniva di persona a comprare grandi quantità di prodotto ma poi pensò bene di contraffarlo aumentandone la quantità con sotto prodotti, sapete che fine fece? Morì sul rogo, insieme al suo zafferano contraffatto, e la moglie fu esiliata. Lo Zafferano…croce e delizia proprio!

Zafferano di San QuirinoLo Zafferano di San Quirino.

Anzitutto parliamo di Zafferano di altissima qualità: lo zafferano di San Quirino ha passato di molto, nei test di laboratorio, i requisiti minimi per la classificazione. Ricordiamo che l’agricoltura dello zafferano di San Quirino  è molto laboriosa, il prodotto viene colto e mondato  a mano ed essiccato con aria calda a 40 °C lentamente. L’espianto dei cormi di Crocus Sativus (il croco dello zafferano) è un’ operazione eseguita annualmente dall’azienda agricola di  Walter così come la raccolta a mano: un lavoraccio, non si può automatizzare piu’ di tanto pertanto il periodo di raccolta è uno dei periodo piu’ duri. Parliamo di un prodotto prezioso anche per questo, lo zafferano quanto costa? Il costo va  dai 18 ai 35 euro al grammo per questo, non compratelo in polvere poiché quasi certamente troverete contraffazione e coloranti, cercate una certificazione come quella dello Zafferano di San Quirino.

L’agricoltore Walter Zamuner e il suo progetto.

Perchè hai scelto proprio lo Zafferano di San Quirino?

Walter: “La passione per l’agricoltura l’ha avuta da sempre, quella per lo zafferano è arrivata un po’ per caso, cercando sul web un tipo di coltura da abbinare al miele, nei suoi piccoli appezzamenti. Così ha trovato lo Zafferano portandolo in Friuli, Zafferano di San Quirino puntando ad un marchio di qualità. L’impegno è grande, punta a una purezza del 100% e alla tracciabilità del prodotto. La scelta di fare l’agricoltore non è una scelta facile, è una scelta forte che cominciano a seguire altri giovani. Si riscopre così un lavoro essenziale, il ritorno all’agricoltura di qualità sapendo che arriviamo da allevamenti intensivi, una fatica certa per chi fa agricoltura è portare a reddito l’impresa. Non bisogna aspettarsi subito un guadagno, il sacrificio c’è.”

Walter ti sei mai sentito diverso dai tuoi coetanei? 

Walter: “Considerato diverso no, i miei coetanei specie quelli che mi conoscono dell’asilo sapevano già che in qualche modo sarei diventato agricoltore. I miei avevano un bar ben avviato che volevano lasciarmi, ma io non ho mai avuto passione per quel mestiere. Quindi quando nel 2010 ho acquistato il mio primo terreno mi sono sentito io diverso dagli altri, perché, forse in modo folle ho inseguito il sogno che avevo fin da piccolo. Subito dopo è arrivato lo zafferano che è stata la mia idea più folle. Fare zafferano in Friuli era impensabile (condizioni pedo climatiche avverse, e non faceva parte della nostra tradizione). Infatti molti “vecchi” agricoltori erano scettici, non credevano fosse possibile ma ho dimostrato che non è così!”

Ci sono stati momenti in cui pensavi di mollare tutto? 

Walter: “Momenti in cui volevo mollare tutto ci sono stati, specie quando mi scontro con la burocrazia…. E quando mi sono arrivate alcune pugnalate alle spalle alcuni anni fa. Ma mi sono servite per focalizzare meglio gli obbiettivi e per darmi ancora più forza nel raggiungere i miei obbiettivi!!!!”Zafferano di San Quirino

Quali sono i prossimi progetti?

Walter :” Per il futuro vorrei sviluppare meglio la rete di impresa e seguire bene i ragazzi che fanno parte del progetto Zafferano Del Friuli ,ben diverso da altri nomi simili e di dubbia etica professionale!!!! Io come azienda sono già ben avviato e se ingrandisco la coltivazione di zafferano sarà di qualche migliaio di mq ancora ma non tanto come ho fatto in questi anni, che sono passato da 1000mq (10 mila cormi nel 2012) agli attuali 8500mq (circa 200mila cormi 2015). Voglio sviluppare altri progetti sempre in agricoltura che tengo segreti per ora visto la concorrenza agguerrita

Come e dove possiamo trovare lo Zafferano di San Quirino?

Walter :  “Faccio già vendita al pubblico e vorrei espandermi a ristoratori di livello, da quest anno ci sarà la vendita online che sto implementando nel mio sito per richieste da tutta Italia….”

Questa è in breve la storia di Walter Zamuner  e del suo Zafferano Di San Quirino, una storia di grande passione e amore per la propria terra. Ho deciso di dare uno spazio nel mio blog a storie di successo e di speranza per il nostro futuro;  penserete che lo zafferano non c’entra nulla con la seo, l’ottimizzazione e via dicendo, ma reputo che nella vita di ogni giorno ci siano delle analogie con il mondo del web, se lavori duramente, studi, ti informi, sacrifichi il tuo tempo e soprattutto se hai una marcia in piu’, ce la puoi fare, e lo Zafferano di San Quirino, adattandosi con il sapiente lavoro di questo ragazzo alle terre friulane, ce l’ha fatta.

 
 

'Zafferano di San Quirino' have 4 comments

  1. @ 6:46 pm domenico

    Bella storia sul serio! Bisogna sempre essere contenti quando qualcuno della nostra genrazione ce la fa, perchè è la generazione più bistrattata degli ultimi 60 anni! Complimenti!

    Reply

  2. @ 6:44 pm supervalentina

    Domenico ciao! Concordo, ma come vedi le storie di successo ci sono eccome, volere è potere, certo è piu’ difficile oggi rispetto agli anni ’80 ma se l’idea è buona e la persona preparata, tutto può funzionare (o quasi 🙂 ) Grazie per aver lasciato la tua!

    Reply

  3. @ 9:42 am Anna Maria Palazzesi

    Conosco la storia dello Zafferano di San Quirino!! Sono ammirata ed entusiasta dell’iniziativa di questo giovane che con passione ha scelto un lavoro pesante che richiede tanto sacrificio!!! Avrà sicuramente il successo che merita!!!!!

    Reply

    • @ 8:26 pm Redazione

      E’ davvero da ammirare Walter, un esempio per molti giovani! Grazie Anna del tuo commento.

      Reply


Would you like to share your thoughts?

Your email address will not be published.

Copyright Supervalentina.com 2016