ottimizzazione SEO

SEO morta? Lunga vita alla SEO.

ottimizzazione SEO morta

tavola elementi SEO

Ottimizzazione SEO morta? Naa, sono morti solo quelli che non sanno cos’è..

Ogni tanto, ormai da tempo, mi imbatto in articoli che infestano internet proclamando la morte della SEO (Search Engine Optimization). Articoli, pagine, di personaggi noti e meno noti, che si stracciano le vesti inseguendo questo mantra (tanto che è diventato una precisa serp su Google): ‘L’ottimizzazione SEO è morta! Definitivamente! A fine 2012 è successo l’irreparabile, con l’aggiornamento bla bla..’.

Al tempo non sapevo neanche cos’era la SEO, mentre ora è l’argomento principale delle mie letture, dei miei sogni (lo so, la droga fa meno danni), del mio lavoro e dei miei ragionamenti alla finestra. Come riassunto (parzialmente) in figura, la SEO è un insieme di fattori che, insieme, decretano il successo o meno di un sito, determinando il posizionamento in prima o in decima pagina.

Quelli che si stracciano le vesti pensando alla SEO morta, alla disfatta di Caporetto di fine 2012 si riferiscono ad un modo di fare SEO che NON E’ FARE SEO, per cui l’ottimizzazione SEO morta non può essere riferita ad un algoritmo, ma è morto (non ancora del tutto, purtroppo) il modo facile facile con cui diversi cialtroni all’italiana truffavano ignari customers che si rivolgevano a queste agenzie di nuovi geni del web.

Tutta questa gente, questi geni del web, con questo squisito italianismo di dare le colpe ad altro (la SEO morta) era abituata a costruire un sito web di merda (ops, shitty website è più corretto), ci attaccava 100 mila backlinks scrausi comprati o rimediati qua e la, e si facevano pagare fior fiore di cucuzze. Dopo gli ultimi aggiornamenti (Panda, Penguin e augelli vari) PER FORTUNA queste pratiche sono state fortemente limitate, per cui tutta sta gente si trova che deve veramente trovarsi un lavoro, e tutto perchè SI RIFIUTANO DI STUDIARE, DA BRAVI ASINI!

Se studi veramente la SEO il cervello ti va in acido, e la pazienza è martellarsi i testicoli ripetutamente, solo PER CAPIRE come funziona un singolo aspetto. Solo tu sai per quale motivo guardi una serp 10 ore al giorno per mesi, solo tu cambi una pagina anche 100 volte finchè raggiunge la curva perfetta, solo tu perdi due giorni solo per approfondire un singolo aspetto di una spunta su un plugin tra tanti. Solo tu leggi migliaia di pagine (in inglese) solo per velocizzare il tuo sito di una frazione di secondo.

Tutti gli altri, il 90%, fanno ancora siti di merda, ci attaccano 40 mila backlink, vengono penalizzati, e poi diffondono il mantra: ‘la SEO è morta.. SEO morta.. buahahah.. sigh.. sob..’. E perdono ancora più tempo che decidersi a studiare! L’ultimo, un competitor in una determinata serp, da mesi sta infestando un settore con DECINE DI SITI, tutti di merda, tutti pieni di backlink marci comprati su un sito di backlink.. Questo perde mesi a costruire nuovi siti (scrive tantissimo, con errori ortografici), infesta i forum di settore, ecc.. PIUTTOSTO CHE METTERSI A STUDIARE, L’ASINACCIO!

E infatti.. dopo 5 mesi è stato penalizzato. Un sito scomparso. Ne ha altri 7 che sta spingendo nella stessa maniera, e che saranno tutti penalizzati. Ecco cos’ha prodotto tutta questa disinformazione.. che la gente non riesce ancora a capire e a digerire il fatto CHE LA PACCHIA E’ FINITA, no la SEO morta! Non del tutto purtroppo. Il mio sogno è una SEO senza backlinks (come in Russia), ma tant’è. Sappiate solo che in una serp importantissima, da 160 mila competitor, che muovono 5 miliardi di euro l’anno, sono attualmente secondo (il primo ha comprato una gig da 40 mila backlink). CON SOLI 3 BACKLINKS in tutto, DA DIRECTORY (ottimizzazione SEO morta un cazzo)!!!

Questa è la SEO. Ottimizzare tutto. L’iperdemocrazia. Se fai siti buoni sotto ogni aspetto non ti serve caricarli di backlinks marci. Se non studi, invece, ti tocca farlo, e poi vieni penalizzato. Per cui, questa è la mia posizione sull’argomento. Pensate pure che la SEO sia morta, che tutto è relegato al caos. Meglio. Meno competitor, più serp tenere.. mi lasciate il mondo? E io me lo prendo. Buahahahahahah!

tavola elementi SEO Ottimizzazione SEO morta? Naa, sono morti solo quelli che non sanno cos'è.. Ogni tanto, ormai da tempo, mi imbatto in articoli che infestano internet proclamando la morte della SEO (Search Engine Optimization). Articoli, pagine, di personaggi noti e meno noti, che si stracciano le vesti inseguendo questo mantra (tanto che è diventato una precisa serp su Google): 'L'ottimizzazione SEO è morta! Definitivamente! A fine 2012 è successo l'irreparabile, con l'aggiornamento bla bla..'. Al tempo non sapevo neanche cos'era la SEO, mentre ora è l'argomento principale delle mie letture, dei miei sogni (lo so, la droga fa meno danni), del mio lavoro e dei miei ragionamenti alla finestra. Come riassunto (parzialmente) in figura, la SEO è un insieme di fattori che, insieme, decretano il successo o meno di un sito, determinando il posizionamento in prima o in decima pagina. Quelli che si stracciano le vesti pensando alla SEO morta, alla disfatta di Caporetto di fine 2012 si riferiscono ad un modo di fare SEO che NON E' FARE SEO, per cui l'ottimizzazione SEO morta non può essere riferita ad un algoritmo, ma è morto (non ancora del tutto, purtroppo) il modo facile facile con cui diversi cialtroni all'italiana truffavano ignari customers che si rivolgevano a queste agenzie di nuovi geni del web. Tutta questa gente, questi geni del web, con questo squisito italianismo di dare le colpe ad altro (la SEO morta) era abituata a costruire un sito web di merda (ops, shitty website è più corretto), ci attaccava 100 mila backlinks scrausi comprati o rimediati qua e la, e si facevano pagare fior fiore di cucuzze. Dopo gli ultimi aggiornamenti (Panda, Penguin e augelli vari) PER FORTUNA queste pratiche sono state fortemente limitate, per cui tutta sta gente si trova che deve veramente trovarsi un lavoro, e tutto perchè SI RIFIUTANO DI STUDIARE, DA BRAVI ASINI! Se studi veramente la SEO il cervello ti va in acido, e la pazienza è martellarsi i testicoli ripetutamente, solo PER CAPIRE come funziona un singolo aspetto. Solo tu sai per quale motivo guardi una serp 10 ore al giorno per mesi, solo tu cambi una pagina anche 100 volte finchè raggiunge la curva perfetta, solo tu perdi due giorni solo per approfondire un singolo aspetto di una spunta su un plugin tra tanti. Solo tu leggi migliaia di pagine (in inglese) solo per velocizzare il tuo sito di una frazione di secondo. Tutti gli altri, il 90%, fanno ancora siti di merda, ci attaccano 40 mila backlink, vengono penalizzati, e poi diffondono il mantra: 'la SEO è morta.. SEO morta.. buahahah.. sigh.. sob..'. E perdono ancora più tempo che decidersi a studiare! L'ultimo, un competitor in una determinata serp, da mesi sta infestando un settore con DECINE DI SITI, tutti di merda, tutti pieni di backlink marci comprati su un sito di backlink.. Questo perde mesi a costruire nuovi siti (scrive tantissimo, con errori ortografici), infesta i forum di settore, ecc.. PIUTTOSTO CHE METTERSI A STUDIARE,…

Quanto ti è piaciuto questo articolo?

0%

User Rating: 4.75 ( 1 votes)
0


'SEO morta? Lunga vita alla SEO.' has no comments

Be the first to comment this post!

Would you like to share your thoughts?

Your email address will not be published.

Copyright Supervalentina.com 2016