come-costruire-una-pagina-web

Come scrivere una pagina web

come scrivere una pagina webCome scrivere una pagina web? Come inserire dei contenuti nel nostro sito wordpress.

Ancora una volta wp, la miglior piattaforma a mio parere, facile, intuitiva, e amata dal buon Big G. Ora focalizziamo il discorso sull’ottimizzazione di un testo, quindi sul come scrivere una pagina web rispettando le regole basilari della Seo on-page o onsite.

Non entro in merito alla differenziazione tra pagina e articolo, è un discorso poco scientifico che non affronteremo oggi, vi basti pensare che la stesura di una pagina o di un articolo deve rispettare le stesse regole.  Cominciamo con i punti fondamentali.

Pagina web

Il TITOLO della nostra pagina dovrà rappresentare in poche parole cio’ di cui parla la pagina. La cosa importante è capire prima quale keyword vogliamo posizionare, ne ho parlato nell’articolo analisi della concorrenza, dove troverete gli strumenti da utilizzare per calcolare il volume di ricerca che offre una determinata parola chiave. Facciamo un esempio concreto: se dobbiamo scrivere un contenuto riguardante il “guadagnare denaro”, controlleremo con Adwords ad esempio quali sono le potenziali key da usare, in base ai volumi decideremo a cosa puntare e quindi che titolo dare alla nostra pagina. Se siamo agli inizi possiamo accontentarci di una key a concorrenza medio-bassa (che non vuol dire nulla di per se, ma se avete letto il mio articolo precedente non potete non capire il senso) , quindi controlleremo la serp per vedere che risultati da la nostra scelta  e procederemo.

come scrivere una pagina webSubito dopo il titolo è bene per una corretta ottimizzazione del testo  presentare il contenuto utilizzando i caratteri in h1 o titolo1, pochi caratteri per definire la prefazione. Il consiglio è di inserire la keyword o frase esattamente come scritta nel titolo.

Passiamo quindi alla stesura del testo, in alcuni casi, per testi particolarmente lunghi, non è male considerare l’utilizzo di h2, h3 e via dicendo, ma per semplificare qui passeremo direttamente alla sezione paragrafo, quindi procediamo scrivendo il nostro articolo. Per scrivere un buon articolo, in generale, dovremmo chiederci cosa vorremmo noi, da lettori, leggere nel nostro articolo. E’ deludente trovare una pagina web che titola “come fare il pane in casa” per poi leggere un testo che non contiene questa informazione (capita).

Noi dobbiamo quindi preoccuparci di scrivere un testo adeguato, che al suo interno abbia spiegazioni puntuali e approfondimenti relativi all’argomento prescelto, non copiato, univoco e originale e se possibile dare un valore aggiunto che altri non danno (è inverosimile che io vi predichi di non scrivere contenuti che già potete trovare, è una cosa stupida) .  L’inserimento nel testo di sinonimi e correlazioni è altrettanto importante, la varietà del lessico contribuirà all’apertura di molte query di ricerca. Per sapere invece quante volte è consigliabile ripetere la key esatta all’interno del nostro testo possiamo usare il plugin Seo by Yoast, un plugin molto utile che consiglia come scrivere una pagina web per i meno abituati alla Seo, o se non volete installarlo  una ricorrenza che vada dal 2 al 4% del testo (e non pensate che due sia meno di quattro :D).

Più lungo è il testo più Seo by Yoast vi indicherà pallini rossi se non avete ripetuto alla nausea quella benedetta key. Qui c’è da decidere una cosa importante! Diamo l’impressione di avere mente e vocabolario limitati ai nostri lettori o ci disinteressiamo della keyword density? Come in tante cose della vita anche in questa la risposta è il buon senso. E’ chiaro che chi decide il posizionamento della nostra pagina è un robot, in quanto tale potrà comprendere entro certi limiti la nostra bravura letteraria, quindi conteggerà un tot di parole e correlate capendo se abbiamo prodotto un contenuto corretto o meno. Dall’altra parte però più una pagina viene letta più ha successo, e una pagina ridondante può essere facilmente scartata.

Spesso parlando di come scrivere una pagina web si sente parlare di semantica, un parolone vista la difficoltà che si prevede ancor oggi nel raggiungere una vera e propria efficacia semantica per il motore di ricerca. Google però ha fatto davvero dei cambiamenti nel corso degli anni, spesso se guardate a sufficienza le serp, noterete nei risultati di ricerca uno snippet che non contiene quello che avete cercato, questo perchè Google cerca di cogliere l’intento, ovvero cio’ di cui parla l’intero sito o l’intera pagina. A volte saper rinunciare a qualche key esatta a favore di sinonimi non farà altro che ampliare le query, tra cui numerose long tail che posizioneranno la vostra pagina ai primi posti. In una grandissima maggioranza di statistiche la somma di molte long tail supera, per volume di ricerca organica, il traffico generabile da un sola keyword principale.

La lunghezza del nostro testo è quantificabile in caratteri, io consiglio di non scrivere mai meno di 400 caratteri, e di arrivare anche a 1500 parole o più, a seconda di quanto abbiamo da dire. Le cose nel corso del tempo sono cambiate ed oramai è risaputo che un testo abbastanza lungo piace molto al motore di ricerca. (Deus gratiae, sono una graforreica)  Non dimentichiamo però di organizzare la lettura, inserendo degli elenchi puntati, lo strong (il grassetto), staccare i paragrafi e tutto cio’ che serve a rendere una lettura magari lunga, agevole.

Un elemento che è bene avere all’interno del testo è un link in uscita, possibilmente nelle prime righe del contenuto, ad un sito autorevole o comunque ad un sito che approfondisce la tematica trattata. (non a competitor eheh)

I Media sono utili, è bene inserire delle foto esplicative, o immagini descrittive, all’interno di un testo, da un punto di vista squisitamente visivo rende la lettura meno “pesante”, e da un punto di vista seo, nell’economia di una pagina i media sono utili anche perchè andrà segnato l’attributo “tag alt” o testo alternativo. Perchè è utile? Nella keywords density è un aiuto non indifferente qualora abbiate scritto un testo che non ripresenta più volte la stessa key da ottimizzare, il tag alt dovrà quindi essere la stessa keyword usata nel titolo e ripetuta. L’occhio del lettore, lo sapete tutti, in un testo privo di immagini è sofferente, invece le immagini lo conducono al paragrafo successivo.

Siccome il vostro obiettivo è quello di tenere il lettore il piu’ tempo possibile nella vostra pagina, sfruttate qualsiasi strumento per farlo, video embeddati, call to action,  quiz, deve diventare il suo parco giochi. Naturalmente per la struttura a silo valutate sempre se mettere un link interno verso la vostra landing page(deve avere un senso strutturale più che semantico o di correlazione questo link).

Se avrete infine scaricato Seo by Yoast, vi si semplifica la vita perchè potrete inserire i metadati corretti semplicemente seguendo le indicazioni del famoso plugin odiato dai “seopuristi”, ovvero quella categoria che mangiava latte e codice html già da piccini. I metadati sono importantissimi, non scordate di inserire la meta descrizione e per la meta keyword che dire… è come la canottiera di lana, un tempo si diceva che serviva molto, abbiamo capito che non è così ma la mettiamo lo stesso in onore della nonna… Yahoo e Bing li usano, per loro ammissione, Google no ma è famoso per avere il vizietto di depistare con qualche bugia.

Ora sapete come scrivere correttamente una pagina, e se pure Yoast vi da cartellino verde, pronti mezzo via! Pubblicazione!

 



'Come scrivere una pagina web' has no comments

Be the first to comment this post!

Would you like to share your thoughts?

Your email address will not be published.

Copyright Supervalentina.com 2016